Cryptopia di scambio della Nuova Zelanda agitato entra in liquidazione

Le cose andarono di male in peggio per l'assediato scambio di criptovalute Cryptopia quando venne alla luce che era stato messo in liquidazione dopo i falliti tentativi di riavviare il business. Questo secondo un rapporto di NZ Herald, 15 maggio 2019.

Another One Bites the Dust

Salvo alcuni grandi scambi di criptovalute come Binance, Coinbase e OKEx, è particolarmente difficile per gli scambi con risorse finanziarie limitate per rimbalzare sul mercato dopo un grave attacco di hackeraggio. Ciò è vero per la Cryptopia di scambio basata sulla Nuova Zelanda che il 14 maggio 2019 è entrata in liquidazione.

Per fonti informative, David Ruscoe e Russell Moore della società di consulenza e consulenza Grant Thornton sono stati nominati liquidatori della borsa a maggio 14, 2019.

The Story Till Now

Secondo gli esperti, il 13 gennaio 2019 furono rubati 23 miliardi di dollari di criptovalute da Cryptopia. Poco dopo la violazione della sicurezza, lo scambio notificò ai suoi utenti l'hack e sospese tutti i suoi servizi. Non sorprende che le azioni casuali dello scambio non siano andate troppo bene con i suoi clienti e alcuni di loro accusano lo scambio di camuffamento di una truffa di uscita come attacco di hacker.

La sicurezza dello scambio è stata nuovamente compromessa il 31 gennaio 2019, quando il motore di query blockchain Elementus riportò che un totale di 1.675 etere (circa $ 46k all'epoca) fu rubato da esso.

Nonostante la serie di sfortunati eventi, Cryptopia tentò un ritorno nel business. Il 19 marzo 2019, la piattaforma crittografica di Christchurch rilancia le sue operazioni con 40 coppie di criptovalute.

Alla fine, tuttavia, la perdita subita dallo scambio si è rivelata un ostacolo troppo grande per superare. Il comunicato stampa diffuso da Grant Thornton recita in parte:

"Nonostante gli sforzi del management per ridurre i costi e riportare il business alla redditività, è stato deciso che la nomina dei liquidatori fosse nel migliore interesse dei clienti, dello staff e di altre parti interessate. "

Mirare ad affrontare gli interessi di tutte le parti interessate

I liquidatori nominati hanno dichiarato che il loro obiettivo iniziale è garantire le attività a beneficio di tutte le parti interessate. In particolare, il commercio su Cryptopia è stato interrotto fino a che l'inchiesta non si conclude.

Vale anche la pena sottolineare che sebbene lo scambio funzioni con la polizia neozelandese e altre forze dell'ordine, fino ad oggi, non è stato in grado di identificare il dove si trova l'hacker o il gruppo di hacker.

Ruscoe ha detto che il team di liquidatori lavorerà a stretto contatto con il management e gli azionisti di Cryptopia per arrivare a una soluzione reciprocamente condivisibile che sarebbe nel migliore interesse dei clienti e delle parti interessate. Ha aggiunto che data la complessità del caso, l'inchiesta potrebbe "richiedere mesi anziché settimane".

Come BTCMANAGER? Mandaci un consiglio!

Il nostro indirizzo Bitcoin: 3AbQrAyRsdM5NX5BQh8qWYePEpGjCYLCy4

Confronta
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confronta
0