Google espande i servizi cloud integrando la piattaforma Smart Contract Chainlink

Google sta espandendo i suoi servizi cloud integrando la criptovaluta Chainlink (LINK). Questa partnership consentirà ai programmatori di Ethereum di utilizzare il software di Google per integrare i dati da fonti esterne alla blockchain.

Google Bags a Oracle

In un post datato 13 giugno 2019, Google ha annunciato ufficialmente il lancio della sua partnership con Chainlink, una startup che cerca di collegare i contratti intelligenti a tutti gli input e gli output esterni richiesti per

Google vuole combinare la tecnologia smart contract di Ethereum con il suo servizio cloud nativo BigQuery per sviluppare applicazioni ibride di blockchain e cloud che potrebbero essere utili per la privacy delle transazioni, i contratti futures e i mercati di previsione

. introdotto nel 1997 dallo scienziato informatico Nick Szabo. Si tratta di accordi P2P che si basano sulla tecnologia blockchain e pertanto sono effettivamente immutabili dopo essere stati registrati nel libro mastro distribuito.

Questo meccanismo di accordo consente agli utenti di impegnare parte delle proprie risorse facendo affidamento sul fatto che il contratto intelligente verrà eseguito automaticamente senza la necessità di un intervento esterno. Ma c'è un problema fondamentale. Un problema che la maggior parte degli utenti ha riscontrato con i contratti intelligenti è l'affidabilità delle variabili con cui viene valutato il contratto.

Se i dati per i contratti intelligenti non sono già memorizzati in attività su catena, una fonte attendibile di dati esterni essere richiesto in tal caso. È qui che entra in gioco il ruolo di Chainlink.

Google ha già reso pubblici i dati blockchain disponibili su BigQuery tramite il programma di dati pubblici Google Cloud per otto diverse criptovalute.

Questi dati rappresentano risorse per vari processi aziendali fuori catena come Condivisione degli utili SaaS mitigando l'abuso dei servizi caratterizzando i partecipanti alla rete e utilizzando tecniche di analisi statiche per rilevare vulnerabilità software e malware.

Tuttavia, questo tipo di servizio utilizza i dati forniti da Google come input per processi che vengono quindi eseguiti al di fuori della blockchain. Al contrario, un contratto intelligente su catena è limitato in quanto ha bisogno di accedere a informazioni che sono fuori catena.

Chainlink colmerà questa lacuna. Un oracolo fungerà da canale bidirezionale tra i contratti intelligenti e i servizi cloud di BigQuery di Google.

Nel post, Google descrive con precisione come un contratto intelligente può comunicare con il proprio servizio cloud tramite l'oracolo di Chainlink, offrendo tre diversi casi d'uso per questa soluzione:

  • Mercati di previsione.
  • Copertura contro la piattaforma blockchain Rischio
  • Abilitazione di commit / rivela attraverso Ethereum mediante invio di sottomarini.

Google conclude che questa tecnica di interoperabilità consente agli sviluppatori di creare applicazioni ibride che sfruttano il meglio quali piattaforme di contratto intelligenti e piattaforme cloud hanno da offrire.

L'integrazione del contratto intelligente rappresenta un passo significativo verso l'adozione di dApp e riflette un segnale di mercato molto forte per i token LINK. Dopo che il progetto blockchain ha condiviso le notizie su Twitter, il prezzo di LINK è salito di oltre il 70% per raggiungere il massimo storico di $ 1,94 con il suo capitalizzazione di mercato toccando $ 680 milioni.

Come BTCMANAGER? Mandaci un consiglio!

Il nostro indirizzo Bitcoin: 3AbQrAyRsdM5NX5BQh8qWYePEpGjCYLCy4

Confronta
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confronta
0