I rivenditori statunitensi sono in difficoltà reali a causa di esso?


Con un calo senza precedenti del 17,68% giovedì, Macy's potrebbe forse alimentare un declino a breve termine di tutti i rivenditori negli Stati Uniti.

Dopo il crollo del prezzo delle azioni di Macy's, altri importanti rivenditori in attività come Target hanno iniziato a dimostrare una mancanza di slancio dal forte rally correttivo che il mercato azionario statunitense ha vissuto all'inizio di gennaio.

The Macy's Curse, Not Specific to Macy's

Ciò che ha spinto il brusco crollo del prezzo azionario di Macy's, il più grande la caduta di un giorno nella storia dell'azienda, avrebbe potuto essere irragionevolmente alte aspettative degli investitori nelle prestazioni dei rivenditori durante le festività natalizie, da Natale a Capodanno.

Gli investitori non hanno riconosciuto che molti dettaglianti, compresi i grandi conglomerati nel Gli Stati Uniti, spesso vendono la maggior parte dei loro prodotti accantonati con uno sconto pesante durante i sette giorni di festività natalizie. Apparentemente, e almeno sulla carta, i rivenditori sembravano aver generato entrate sostanzialmente alte. Ma i margini di profitto erano estremamente bassi.

Simeon Siegel, un analista di Instinet, disse a FT:

La ​​gente stava dicendo in anticipo che questa sarebbe stata una grande stagione di vacanze, guidata dall'aspettativa di un minor numero di sconti e punti di prezzo più elevati. Ma sembra che i livelli di inventario siano stati costruiti, costringendo le promozioni ad aumentare. Ciò significa che il consumatore vince a spese del rivenditore.

Su CNBC Fast Money, Guy Adami, il direttore di Advisor Advocacy, ha aggiunto che il crescente debito dei consumatori negli Stati Uniti, con la carta di credito e il debito complessivo delle famiglie, oltrepassa tutto i massimi storici potrebbero aver spinto molti consumatori a spendere meno nelle ultime settimane.

"Sono ancora nel campo che dice che il consumatore americano spenderà sempre denaro ma non significa che dovrebbero spendere soldi, e francamente, con il debito dei consumatori al PIL ormai vicino al 60%, questo pone un problema, specialmente se i tassi di interesse aumenteranno ", ha osservato Adami

. Tuttavia, le prestazioni relativamente elevate di Mastercard e dei principali processori di pagamento aumentano domande sul fatto che i consumatori non stanno semplicemente spendendo presso i rivenditori ma stanno ancora spendendo altrove.

Con crescente pressione da piattaforme di e-commerce in rapida crescita come Amazon, Alibaba e Flipkart, i dettaglianti negli Stati Uniti e il mercato globale hanno

Alcuni analisti temono che il più grande calo di un giorno nel prezzo delle azioni di Macy's possa avviare un effetto domino e incidere sulla maggior parte dei principali rivenditori sul mercato statunitense nelle prossime settimane.

I grandi magazzini sono in difficoltà?

 Le azioni di Kohl
I grandi magazzini come quello di Kohl potrebbero trovarsi in un roccioso 2019.

Durante un periodo in cui le aziende più forti negli Stati Uniti come Apple sono alle prese con margini di errore e consumatori sono sentirsi meno costretti ad acquistare prodotti in generale – probabilmente a causa della volatilità del mercato azionario e delle incertezze che circondano l'economia – i grandi magazzini che non conducono specificatamente in una determinata area del retail potrebbero continuare ad affrontare sfide.

Altri grandi magazzini come quelli di Kohl dal 4 al 5% di perdite nel giorno, influenzate dalle prestazioni di Macy's.

Immagine in primo piano di Shutterstock. Grafici dei prezzi di TradingView.

Pubblicità

Login/Register access is temporary disabled
Confronta
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confronta
0