Il 70% delle banche centrali lavora su valute digitali, non ha fretta di emetterle: BIS


Un sondaggio commissionato dalla banca delle banche centrali, la Bank of International Settlements, ha rivelato che anche se le Central Bank Digital Currencies (CBDC) sono state studiate da un gran numero di banche di riserva, il lavoro è per lo più concettuale. Di conseguenza, solo una manciata di loro ha intenzione di emettere un CBDC nel prossimo futuro:

Il sondaggio rileva che un'ampia varietà di motivazioni sta guidando un numero crescente di banche centrali a condurre ricerche concettuali sui CBDC. Tuttavia, solo poche banche centrali hanno ferme intenzioni di emettere un CBDC entro il prossimo decennio.

Per il sondaggio condotto nel 2018, circa il 70% delle banche centrali ha indicato che sono già impegnati nel lavoro CBDC o lo saranno nel prossimo futuro. Questo è stato un leggero aumento rispetto al 2017, quando la cifra era di circa il 65%. La maggior parte delle banche centrali che non sono impegnate e non saranno coinvolte nel CBDC lavorano da piccole giurisdizioni o hanno priorità più urgenti.

CBDC all'ingrosso e di uso generale

Tra le banche centrali impegnate nel lavoro del CBDC, Il 31% si sta concentrando su valute digitali della banca centrale di uso generale (emesse per il pubblico in generale) mentre il 13% si concentra sulle valute digitali della banca centrale all'ingrosso (emesse per transazioni all'ingrosso come il regolamento dei titoli e i pagamenti interbancari). D'altra parte, circa il 56% lavora su CBDCS sia all'ingrosso che generale.

Come si stanno avvicinando le varie banche centrali al CBDC. Fonte: BIS

Ci sono varie ragioni per le quali le banche di riserva perseguono sia gli obiettivi generali che i CBDC all'ingrosso:

Guardando a tutti gli intervistati per entrambi i tipi di CBDC, la sicurezza dei pagamenti e l'efficienza interna sono i fattori motivanti più importanti per le banche centrali . Meno importanti sono, prevedibilmente, l'inclusione finanziaria per i CBDC all'ingrosso e, meno prevedibilmente, l'efficienza dei pagamenti transfrontalieri per i CBDC generici.

Partnerships and Collaborations

L'indagine che ha intervistato 63 banche centrali (22 nelle economie avanzate e 41 nelle economie di mercato emergenti) ha anche rivelato che le banche di riserva di tutto il mondo collaborano tra loro per quanto riguarda il lavoro di proof of concept, in particolare sul regolamento delle transazioni e il regolamento transfrontaliero.

Esempi di queste collaborazioni includono il progetto Stella che è in corso dalla Banca del Giappone e dalla Banca centrale europea. Esiste anche un progetto comune di proof-of-concept intrapreso dalla Bank of Canada, dalla Bank of England e dalla Monetary Authority di Singapore.

Per quanto riguarda l'autorità legale necessaria per emettere un CBDC, quasi il 25% delle banche di riserva indicava che già possiedono o stanno per ottenere quell'autorità mentre il 40% non sono sicuri. L'incertezza è, tuttavia, in calo rispetto al sondaggio condotto nel 2017.

Immagine in evidenza di Shutterstock.

Pubblicità

Login/Register access is temporary disabled
Confronta
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confronta
0