La Francia è impostata per introdurre norme chiare per le vendite di token di criptovaluta

Il governo francese sta cercando di introdurre regole chiare per le Ico nel paese. Come riportato da Crowdfund Insider il 10 giugno 2019, i regolatori del paese vogliono emanare norme che regolano l'emissione di gettoni ICO di utilità, che servirebbero come un nuovo "regime ICO".

Francia Andare avanti dell'Unione europea

Mentre la maggior parte dei paesi dell'Unione europea è ancora lenta quando si tratta di accettare la criptovaluta o di regolamentare il settore, la Francia ha mostrato il desiderio di regolamentare il mercato.

Nel 2018, il ministro delle finanze del paese, Bruno Le Maire, ha diretto il governatore della banca centrale francese a presentare un quadro normativo aggiornato. Il ministro ha anche richiesto migliori regolamentazioni globali per le valute virtuali.

Nel marzo 2018 sono emersi rapporti che l'Autorité des Marchés Financiers (AMF), un organismo francese responsabile della regolamentazione del mercato finanziario, stava preparando un quadro normativo per le ICO

Con questo, la Francia si sta posizionando per partecipare attivamente alla criptovaluta e alla rivoluzione blockchain, con il ministro delle finanze citato come elogio degli ICO come meccanismo di raccolta fondi per le startup

Crowdfund Insider , la proposta di legge consentirebbe agli imprenditori di raccogliere fondi tramite ICO online e di permettere che i token vengano scambiati su mercati secondari. La proposta stabilisce che gli emittenti della ICO necessiterebbero dell'approvazione dell'AMF, ma non è un criterio necessario per avviare un progetto ICO.

Tuttavia, in assenza di un'approvazione AMF, i CEO del progetto devono informare gli investitori che il progetto ICO non ha il benedizioni dell'organismo di regolamentazione francese.

Il rapporto citava un'intervista del maggio 2019 a Thibault Verbiest, un avvocato francese coinvolto nei colloqui regolatori in tutta l'Unione, in cui l'avvocato affermava che il nuovo regime dell'ICO avrebbe reso le banche più ricettive alla criptovaluta e migliorare l'immagine del settore in Francia.

Concorrenza di Malta e Svizzera

In tutta Europa, Malta e Svizzera sono senza dubbio i precursori dell'adozione di criptovaluta e blockchain. Malta, per impostazione predefinita, è l'hub di blockchain, mentre Zug in Svizzera è considerata la "Silicon Valley" della tecnologia blockchain.

Tuttavia, Verbiest non è turbato dagli sviluppi in entrambi i paesi, come dichiarato dall'avvocato:

"I vedere quella cosiddetta competizione come positiva. [Entrepreneurs] con licenza già a Malta potrebbe anche essere interessato a un visto francese, in quanto entrambi i regimi non sono "passibili" all'interno dell'UE. E la Svizzera è al di fuori dell'UE e continuerà a svolgere il suo ruolo di luogo finanziario internazionale (criptato).

Le normative francesi potrebbero costringere l'UE a seguire rapidamente il suo processo nel tentativo di prevenire l'arbitraggio normativo in tutta la regione come L'UE sta cercando di creare una politica comune. La necessità di un quadro normativo uniforme di criptovaluta è stata ribadita nel rapporto della BCE del maggio 2019.

Come BTCMANAGER? Mandaci un consiglio!

Il nostro indirizzo Bitcoin: 3AbQrAyRsdM5NX5BQh8qWYePEpGjCYLCy4

Confronta
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confronta
0