Lo scandalo QuadrigaCX fa sobbalzare il Canada per regolamentare gli scambi di criptovalute

Il famigerato scandalo QuadrigaCX è culminato nelle perdite di $ 150 milioni in fondi di criptovaluta dell'utente. Ora, il Canada ha chiesto un "input" per adeguare la nuova regolamentazione agli scambi di criptovalute che operano all'interno dei suoi confini.

Il Canadian Securities Regulator e Investment Body emettono un documento di consultazione per aumentare la protezione degli investitori

Il Canada ha trattenuto il regolamento dettagliato sulla criptovaluta. Attualmente adotta un approccio di attesa e visione e utilizza le leggi e le autorità di regolamentazione esistenti. In questo modo, il Canada controlla e guida le imprese emergenti di fintech e criptovaluta nel paese.

Gli interi fondi di uno scambio che svaniscono mentre il fondatore muore senza lasciare accesso ai portafogli di criptovaluta fredda potrebbero essere un punto di svolta normativo per il Canada. Con lo scandalo QuadrigaCX che cresce e cambia quasi quotidianamente, i regolatori canadesi annuiscono per costruire "fiducia dei consumatori" e "protezione degli investitori" nel comunicato stampa emesso oggi.


Unisciti a CCN per $ 19,99 al mese e ottieni una versione senza pubblicità di CCN incluso sconti per eventi e servizi futuri. Sostieni i nostri giornalisti oggi. Clicca qui per iscriverti.


Canadian Securities Administrators (CSA) e Investment Industry Regulatory Organization of Canada (IIROC) hanno pubblicato congiuntamente un documento di consultazione con il quale la coppia cerca "input dalla comunità fintech, partecipanti al mercato, investitori e altre parti interessate."

Il documento mette in discussione come la regolamentazione potrebbe essere adattata agli scambi canadesi di criptovalute. Anche se ciò significa anche che il Canada sta continuando un approccio aperto a un settore che ha un impatto positivo sulla sua economia.

Scambi di criptovalute in Canada. Regolamento di benvenuto

Louis Morisset, presidente della CSA afferma che anche gli scambi sono aperti alla prospettiva di una regolamentazione sensata:

Le piattaforme ci hanno detto che un quadro normativo su misura è benvenuto poiché cercano di costruire la fiducia dei consumatori e espandere le loro attività.

Andrew J. Kriegler, Presidente e CEO di IIROC afferma che è necessario "adattarsi all'innovazione" in Canada. Ma, anche per "fornire chiarezza" pur mantenendo detta "protezione degli investitori".

Esiste un potenziale ulteriore cenno allo scandalo QuadrigaCX. Il primo nell'elenco delle aree da trattare è la "custodia e verifica dei beni".

Poi ci sono problemi di "determinazione dei prezzi, sorveglianza del mercato, sistemi e pianificazione della continuità operativa, conflitti di interesse, assicurazione cripto-asset e compensazione Il documento di consultazione dice:

Gli incidenti globali indicano attività crittografiche che hanno aumentato i rischi legati alla perdita e al furto rispetto ad altri beni.

Dichiara inoltre chiaramente che non esistono ancora "piattaforme crittografiche" sono riconosciuti come scambi. Oppure, autorizzato a operare come "rivenditore" in Canada.

Salvaguardare i beni crittografici – Una priorità che dice che il giornale potrebbe essere stato scritto con lo scandalo QuadrigaCX in mente

Primo nell'elenco dei "rischi relativi alle piattaforme" è che le risorse crittografiche degli investitori potrebbero non essere adeguatamente salvaguardate.

Il documento aggiunge:

Le piattaforme potrebbero non disporre di processi e controlli necessari per separare i beni dei partecipanti dai propri e salvaguardare tali risorse, incluso il mantenimento e salvaguardando le chiavi private associate ai portafogli detenuti dalla piattaforma.

Le ultime notizie su QuadrigaCX indicano che il fondatore Gerard Cotton potrebbe aver usato i propri fondi per finanziare i prelievi dei clienti.

Il documento prosegue proponendo un quadro normativo per scambi. Ciò potrebbe richiedere che tali piattaforme si registrino come marketplace o investment dealer o entrambi. L'eventuale quadro potrebbe anche significare che gli scambi di criptovalute sono soggetti alle regole sui derivati ​​in Canada.

Nel frattempo, lo scandalo QuadrigaCX continua. L'attività di negoziazione personale multimilionaria del co-fondatore degli scambi, Michael Patryn, ha ulteriormente alimentato la preoccupazione per i 150 milioni di dollari mancanti in fondi dell'utente. Se la normativa canadese risultante favorisce la salute del settore in Canada, sarà probabilmente accolta con favore da altri scambi di criptovalute, poiché gli investitori si contendono il quasi miliardo di criptovalute perse nel 2018 a causa di hack, violazioni, violenze e altri scandali.

Login/Register access is temporary disabled
Confronta
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confronta
0