Walmart alza i prezzi in mezzo alla guerra commerciale, dovrebbe concentrarsi sul made americano

Entro il CCN: La guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina è iniziata, e alcuni dei più grandi rivenditori del paese stanno iniziando a sentire il bruciore. L'ultima vittima delle tariffe di Trump è Walmart, che afferma che i clienti possono aspettarsi aumenti dei prezzi su alcuni dei prodotti più importanti dei propri negozi grazie agli aumenti delle tasse sui prodotti importati dalla Cina. Il rivenditore ha dichiarato che farebbe tutto quanto in suo potere per "mantenere bassi i prezzi", ma i clienti dovrebbero aspettarsi di pagare di più nelle prossime settimane.

Senza la Cina nel quadro, gli americani possono aspettarsi di pagare di più

la dichiarazione non menziona quali elementi specifici saliranno, i dirigenti stanno collaborando con i fornitori di prodotti per provare a distribuire i costi su più articoli in modo che i clienti subiscano meno tensioni finanziarie su alcuni prodotti.

Walmart dovrebbe concentrarsi sui prodotti di fabbricazione americana

Nonostante le sue dimensioni, Walmart è un'azienda che rischia di essere meno influenzata da queste tariffe rispetto ad altri rivenditori dato che la maggior parte della sua attività viene dalle vendite relative ai generi alimentari. La maggior parte dei prodotti freschi e di altri prodotti alimentari offerti dai negozi Walmart non viene importata e rischia di rimanere inalterata.

Nel frattempo, i dettaglianti come Walmart dovrebbero considerare una situazione come questa un'opportunità per cambiare e potenzialmente concentrarsi maggiormente su prodotti americani. Purtroppo, Walmart ha reagito lentamente. La società afferma che circa il 26% dei suoi articoli sarà ancora portato da fabbriche e produttori con sede in Cina. Pertanto, più di un quarto dei beni complessivi del dettagliante sarà più costoso grazie alle tariffe.

Si tratta di piccoli fagioli, tuttavia, rispetto ad altri dettaglianti come Target, che presumibilmente importa circa il 34% dei suoi prodotti da Cina. Altre imprese, come Amazon, probabilmente rischiano di perdere di più quando si tratta della guerra commerciale americana con la sua controparte in Asia.

All'inizio del 2017, si stima che oltre 200.000 venditori su Amazon fossero basati in Cina, e che il numero è aumentato pesantemente da allora. Si stima inoltre che la quota della Cina in Amazzonia si aggiri attorno al 25% e che le vendite in Cina attraverso Amazon siano più che raddoppiate nel 2015.

Aggiungendo la beffa al danno è il fatto che molti dei prodotti venduti attraverso queste aziende cinesi sono contraffatti o copiati da articoli che non sono facilmente brevettabili, e questo presenta qualcosa di un enigma morale oltre che economico. Senza dubbio la guerra commerciale di Trump può limitare l'esistenza di tali oggetti; ma se la battaglia si esaurisce, si può sostenere che i prodotti di Amazon potrebbero essere colpiti più duramente, specialmente all'inizio

I rivenditori come Amazon possono avere ferite più grandi

Date le condizioni attuali, abbigliamento, calzature e articoli da viaggio le aziende potrebbero perdere molto dalle tariffe. La Cina rappresenta circa il 41% di tutti i prodotti di abbigliamento negli Stati Uniti. Rappresenta inoltre oltre il 70% di tutte le scarpe e calzature e quasi l'85% di tutti i prodotti legati al viaggio.

Nel frattempo, Macy ha già detto ai clienti che possono aspettarsi i prezzi per aumentare il numero di articoli grazie alle nuove tariffe.

Al momento della stampa, le azioni di Walmart sono aumentate di poco più del 2% su utili solidi, scambiando a circa $ 102 per azione.

 Grafico Yahoo

Gli investitori sono più concentrati sui guadagni di Walmart battono che l'aumento dei prezzi. | Fonte: Yahoo Finance

Login/Register access is temporary disabled
Confronta
  • Cameras (0)
  • Phones (0)
Confronta
0